Porta di Lampedusa PDF Stampa E-mail

IL MONUMENTO


“Porta di Lampedusa - Porta d'Europa”:
Amani, Arnoldo Mosca Mondadori, Alternativa Giovani e la Comunità di Koinonia sono promotori del progetto di un monumento dedicato alla memoria dei migranti che hanno perso la vita in mare. L'opera di Mimmo Palladino è una porta di quasi cinque metri di altezza e di tre metri di larghezza, realizzata in ceramica refrattaria.
Significato fondamentale di quest’opera è quello di consegnare alla memoria quest'ultimo ventennio in cui abbiamo visto migliaia di migranti morire in mare, in modo disumano, nel tentativo di raggiungere l'Europa, una strage senza testimoni, spesso senza sepoltura e quindi senza pietà. L'intento è quello di consegnare alle generazioni
future, che passeranno da Lampedusa, un simbolo che aiuti a non dimenticare e che inviti a una meditazione laica, come religiosa.

Il 28 giugno 2008 a Lampedusa l’inaugurazione del monumento.
Ad oggi è confermata la presenza di Mimmo Paladino, Arnaldo Pomodoro, Pietro Coletta,
Lucio Dalla, Luca Carboni, Eleonora Giorgi, Marco Alemanno e Ginestra Paladino. Nello stesso giorno, grazie al sostegno dell'associazione turistica Pro Loco di Lampedusa, di Amani e di Holding Turismo, verrà restituito alla città ripulito l'Obelisco Cassodoro, opera di Arnaldo Pomodoro, situato nella piazza del Municipio. Un ringraziamento particolare va al Comune di Lampedusa, che ha approvato all'unanimità il progetto di questo monumento, e ai lampedusani tutti che ancora una volta hanno dimostrato spirito di comprensione e concreta responsabilità.

“Porta di Lampedusa - Porta d'Europa” ha ricevuto ad oggi il patrocinio dell' Alto Commissariato delle Nazioni
Unite per i Rifugiati – Ufficio Italia, Ministero dell’Interno, Regione Sicilia e Regione Puglia, e alla sua
realizzazione hanno collaborato il Collegio di Milano, la nFondazione O’ Scia, la Ceramica Gatti,
la Michelangelo Lombardi Costruzioni Srl e la Holding Turismo che, attraverso una donazione, ha contribuito alla
costruzione dell'opera.

Per qualche strano gioco del destino, capita che anche le nostre notizie a volte si intreccino con la più stringente cronaca di attualità. Capita ad esempio che proprio in giorni fra i più funesti sul fronte della tragedia dei clandestini e degli avventurosi sbarchi sulle coste italiane, un grande artista si appresti ad inaugurare proprio a Lampedusa - crocevia di queste dinamiche - un monumento dedicato alla memoria dei migranti che hanno perso la vita in mare. L'artista è Mimmo Paladino, e l'opera è Porta di Lampedusa - Porta d'Europa, una porta di quasi cinque metri di altezza e di tre metri di larghezza, realizzata in ceramica refrattaria. Che vuole consegnare alla memoria quest'ultimo ventennio in cui si è assistito a migliaia di migranti morti in mare, in modo disumano, nel tentativo di raggiungere l'Europa, una strage senza testimoni, spesso senza sepoltura e quindi senza pietà. Oltre all'artista, nell'occasione saranno presenti personaggi come Arnaldo Pomodoro, Pietro Coletta, Claudio Baglioni, Lucio Dalla, Luca Carboni, Eleonora Giorgi, Marco Alemanno e Ginestra Paladino. Lo stesso giorno dell'inaugurazione - sabato 28 giugno 2008 - verrà inoltre restituito alla città l'Obelisco Cassodoro, opera di Arnaldo Pomodoro, situato nella piazza del Municipio, dopo un lavoro di restauro conservativo.

 
Isola di Lampedusa
Tra le migliori destinazioni per una vacanza al mare in Europa

Comune di Lampedusa e Linosa, © 2017 Sito web Realizzato da Studio K s.r.l. - Tutti i diritti riservati.

Utilizziamo cookie tecnici e di terze parti per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Cliccando su Chiudi acconsenti all'uso dei cookie. Per approfondire o opporsi al consenso di tutti o di alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per approfondire o opporsi al consenso di tutti o di alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Accetto i cookies provenienti da questo sito.