Intervista ad A. Pomodoro PDF Stampa E-mail

Intervista ad Arnaldo Pomodoro sull'opera e la sua storia.

 

 

A cura di Francesco Leonetti

Domanda

Occorre guardare innazitutto l'intera piazza nuova di Lampedusa, che tu hai progettato originalmente, curando la realizzazione insieme con Dialmo Ferrari. Ci sono scogli e pietre, portate nella piazza come se fosse concentrata tutta l'isola, solido e spalancato, uno spazio di colloquio per la gente.

 

  1. Pomodoro

Conoscere bene fin dall'infanzia e adolescenza, che ho vissuto in povertà, in un paese di Pesaro, quale importanza abbia nella tradizione contadina e storica italiana la piccola piazza, che e il centro. Si decide quì il senso di appartenenza di ogni cittadino al suo luogo; e si svolge la circolazione del gusto e delle idee. A Lampedusa inoltre ci sono i tavolini per i turisti, con sedie di vario colore secondo i diversi bar. E ho voluto che la gente potesse essere presente e protagonista, radunata qui a gruppi nella grande serata calda, con libertà

di scegliere altre persone per conversare, presso i tavolini, oppure per proprio conto.

Ho stabilito questo punto dell'uso della piazza con precisi calcoli dei volumi di tutto l'insieme, e delle dimensioni delle rocce, scelte fra gli scogli al mare e all'interno dell'isola. Ho dato poi a Ferrari la cura per la collocazione dei ciotoli nel pavimento. Sono stati fatti utili sedili nelle rocce. E ritornando al mio ricordo di gioventù ho previsto che l'insieme servisse nel migliore modo anche al gioco

dei fanciulli; io non amo il fastigio dei monumenti; amo la piazza vissuta e la visione autentica.

 

Domanda.

Nall'arte contemporanea , a me pare che tu abbia gareggiato con Noguchi, l'altro grande scultore di questi anni, insieme a  te, giapponese attivo in USA, che ha costruito una piazza con elementi essenziali dell'ambiente. Hai dunque voluto dare , a chi sta in piazza, una complessiva immagine intensa della propria terra. E anche obelisco; ha questo aspetto di forza e di lunga durata; la sua mole, che tu vivacemente chiami cassodoro nel senso assoluto di una resistenza e tenuta,come una stele o memoria d'impronta insieme secolare e attuale.

 

Pomodoro

L'isola dura. Ha buchi straordinari di grotte. E testugini rare. Ma sono difficoltose le colture. E la gente, in questo posto di guardia del Mediterraneo, spesso porta un fazzoletto al collo perchè; la voce roca nella solitudine, presso l'Africa. Io ho fatto un monumento ai caduti di tutte le lotte per una società più grave; giusta; ed insieme un'opera in onore della capacità di vivere. Lo voluto mettere nell'obelisco (in questo strano cassodoro) una presenza di sassi, ancora e delle corde dei marinai, e dei rischi del mare, e dei rifuti del mare e dell'esperienza estrema dei pescatori. C'è un mio racconto mentale-attraverso i segni delle quattro facce-di tempi antichi e di purezze intatte, fra le tensioni delle civiltà che sono intorno.

 

Il nostro monumento ai caduti di Giovanni Fagapane sindaco di Lampedusa e linosa.

Anni fa, al Ministro degli Interni Oscal Luigi Scalfaro, in visita a Lampedusa, feci osservare lo stato di degrado della piazzetta antistante il comune, con un monumento ai caduti, opera di nessun pregio artistico, consistente in una stele di marmo, sormontata da un angelo dozzinale di bronzo. Il ministro, fa gli altri finanziamenti, fece promessa che, per l'eventuale nuovo monumento ai caduti di Lampedusa, avrebbe assegnato una certa somma, e così pure per Linosa. In seguito il Ministro assegnò ottantacinque milioni per Lampedusa e ottanta per Linosa.

 

Comunicai la notizia a Pomodoro noto il monumento ai Caduti di Linosa  stato ideato scolpito e collocato dallo scultore Pietro Consagra, altro illustre rappresentante del tutto tondo di avanguardia in Europa;( e così, durante il 1987, sono venuti nelle isole Consagra col suo marmo, e Arnaldo Pomodoro a sistemare la Piazza con i sassi perlevati sul posto, tra i quali ha previsto un monumento in forma di obelisco, fuso in bronzo.

 

L'opera è nata idealmente come monumento ai Caduti, ma nei nostri incontri a Lampedusa l'artista mostrava di voler superare quel concetto in un altro più largo, universale, e cioè di combattenti caduti per tutte le cause giuste ( e magari non giuste, aggiungo io tra parentesi). Ma  impossibile riferire con quanta abnegazione e attraverso quali difficoltà la piazza della Libertà di Lampedusa si sia trasformata e arricchita, in vari mesi di intenso lavoro per un'opera così straordinaria.

 

L'obelisco a Lampedusa di Marcello Venturoli.

Il fatto che Lampedusa sia la più remota isola del territorio nazionale, profondata oltre il parallelo di Tunisi, spigolo d'eterno dentro un mare prodigioso, rende ancor più singolare la presenza di questa scultura, la cui forza e suggestivita pari a quella di molte altre opere di Arnaldo Pomodoro, ora esposto nelle più grandi gallerie pubbliche e private e nelle sale della biennale di Venezia.

 

Non soltanto dunque la scultura civile di Arnaldo Pomodoro risponde al tema per cui è sata commissionata, ma viene a collocarsi tra le opere più prestigiose e valide del maestro, in una combinazione che esprime tutto il suo amore per l'isola, e l'isola tutta l'intelligenza per il suo artista. Qui a lampedusa davvero, bisogna venirci, non vi sono occasioni di facili carambole, di scorciatoie: chi e amico di Lampedusa, di quel punto dell'orbe armato

di coraggio e di spirito di sopravvivenza dei suoi indomiti abitanti, un amico della vita, un innamorato dell'umanità. Arnaldo Pomodoro  uno di

questi viaggiatori, restato prima e durante e dopo il suo monumento, per capire ed amare.

La sua più alta testimonianza di quanti operatori estetici abbiano fin oggi, dopo l'impatto quasi drammatico con l'isola, saputo fare per lei.

 

Il colore del bronzo ha qualcosa di prezioso; e la limpidezza di tante pagine scritte, documento  e memoria, si moltiplica nei quattro lati(ciascuno dei quali, in scomparti , e al tempo stesso, unito) racconta con trepidi segni incisi e rilevati, di storie, di opere, di preghiere. L'obelisco

di Arnaldo Pomodoro invita alla più alta considerazione dl passato, umanissimo totem creato dagli uomini d'oggi per gli uomini di domani

 

Contributo di sbarco

scatvids.club A LOT OF CRAP
Isola di Lampedusa
Tra le migliori destinazioni per una vacanza al mare in Europa

Comune di Lampedusa e Linosa, © 2017 Sito web Realizzato da APKAPPA K s.r.l. - Tutti i diritti riservati.

Utilizziamo cookie tecnici e di terze parti per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Cliccando su Chiudi acconsenti all'uso dei cookie. Per approfondire o opporsi al consenso di tutti o di alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per approfondire o opporsi al consenso di tutti o di alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Accetto i cookies provenienti da questo sito.